Al mio HP, un misero 5.6…

19 aprile 2007

Nova 24 di oggi contiene un interessante articolo sull’ “Eco guida ai prodotti elettronici“, una guida redatta da Greenpeace che classifica le imprese di cellulari e PC, in ordine all’impegno responsabile, riguardante, tra le altre cose, la gestione delle sostanze chimiche inquinanti.

In estrema sintesi (qui il PDF della guida): Lenovo è la più meritevole, seguita da Dell al quarto posto, HP all’ottavo e Apple a chiudere. Ho iniziato dando uno sguardo alla guida, poi ho confrontato i dati con i blog: Lenovo riporta la notizia della leadership ottenuta, ma nel sitoDell sembra pur non linkando rispondere direttamente al rapporto di Greenpeace, in HP ho trovato un video interessante, ma “meramente” celebrativo, sulla responsabilità sociale d’impresa sebbene l’impegno blog non sia certo da sottovalutare.

Come si può notare dai link le imprese citate hanno dedicato un blog, una porzione di questo, anche un solo post alla responsabilità sociale d’impresa, ed è qui che, banalizzando, posso andare ad incazzarmi se noto qualche discrepanza, se ho bisogno di chiarimenti. E’ uno strumento che le imprese stanno imparando a conoscere, si vedano gli scarsi risultati di un progetto come quello di McDonald’s(nel blogrolling), e che DEVE essere utilizzato a vantaggio della collettività, perseguendo la sostenibilità.

L’interesse per la faccenda scaturisce dalla mia profonda fede, non tanto nella verosimiglianza di ciò che dalle suddette aziende viene postato, ma nell’immenso potenziale di condivisione, rielaborazione, reinterpretazione del fantastico strumento che state in questo momento utilizzando.

Due considerazioni:

  1. Cercherò, e invito tutti a farlo, di sfruttare appieno: l’informazione sull’impegno responsabile che le imprese portano avanti, proveniente oggi un pò da ognidove, e soprattutto lo squarcio, aperto nelle loro membra manageriali, dai blog.
  2. Stò utilizzando un laptop HP con sostanze inquinanti all’interno… parlo di sostenibilità…lo strumento che mi consente di aggregare informazioni, conoscere realtà nuove, crescere e condividere ciò che penso, alimenta ciò che espressamente rifiuto: di fatto INQUINA, non è per questo sostenibile.

A monte domandiamoci anche che ruolo svolgono gli strumenti che utilizziamo rispetto al fine che si intende raggiungere. Nel caso specifico, abbastanza contaddittorio.

Spesso non si può non essere “spietati”(leggete il post precedente), trarrò il meglio da questa macchina, ma stò solo rimandando il danno. Almeno ora ne sono consapevole…e, lo si è visto posso, intervenire facendo pressione sui diretti responsabili.

 Lui ha iniziato, prima di me, un’avventura abbastanza lontana da questa, ma è assolutamente da leggere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: